lunedì 28 gennaio 2013

libri gennaio

Mi piace molto leggere, di solito la sera verso l'una: mi lascia un senso di pace e mi concilia il sonno (mentre se prima di andare a dormire gioco a videogames o cazzeggio con l'iphone non riesco mai a prendere sonno, sono ipertesa).
Ecco i libri che ho letto nel mese di gennaio, premetto che a dicembre ho letto il Decamerone dunque dopo un'impresa del genere ho deciso di staccare un po' la spina e di dedicarmi a qualcosa di più leggero per questo mese:

FLUO- ISABELLA SANTACROCE



Questo è il secondo libro della Santacroce che leggo, non sono ancora in grado di farmi un'idea precisa su di lei e su quello che scrive. C'è chi la ama e chi la odia, io per ora sto nel mezzo. Se qualcuno mi chiedesse di fare un riassunto di questo libro probabilmente non ne sarei capace, non c'è un vero e proprio plot: i fatti avvengono uno dopo l'altro e senza per forza essere concatenati tra di loro. Io lo definirei più una sorta di diario della protagonista che racconta la sua vita così com'è nel bene e nel male, senza arricchirla di elementi narrativi e momenti clou. Questo ovviamente può creare dei passaggi piuttosto piatti ma per fortuna il libro è breve. Una cosa che proprio non riesco a sopportare è la trasgressione a tutti i costi, che poi in questo libro non è che ce ne sia molta a meno che a leggere non sia una ragazzina di 14 anni.
Nonostante tutto ci sono dei passaggi in questo libro, ma soprattutto delle frasi veramente significative che mi portano a pensare che non sia del tutto da buttare.

''...e allora penso all'amore e a tutte le cose dolci-romantiche che volano nell'aria anche in questa estate troppo gratta e vinci, che ti sbatte fuori se non sei commercialmente valido e al massimo ti lascia la notte così la tua anarchica diversità non infastidisce i passanti, come se la tua voglia di individualità fosse un poco, un film leggermente porno da mandare in onda solo dopo le ventiquattro su reti private.''



SOPHIE KINSELLA- I LOVE SHOPPING CON MIA SORELLA





Praticamente l'opposto del libro precedente, anche se forse un punto d'incontro c'è e me ne sono resa conto solo ora che ho avuto la possibilità di leggerli di seguito: entrambe descrivono minuziosamente l'abbigliamento delle protagoniste con tanto di marche che indossano. Che dire, la mania delle shopping ci unisce tutte.
Questo libro mi è piaciuto molto, quasi quanto il primo della saga. Forse alcune vicende sono piuttosto paradossali ma ormai mi sono affezionata al personaggio di Becky e nonostante sia praticamente il mio opposto (uno dei casi in cui non mi identifico affatto con la protagonista) mi diverte e leggere le sue peripezie mi mette il buonumore.


In realtà sto leggendo anche un altro libro ma non l'ho ancora terminato, vado a rilento perchè si tratta di un manuale dunque lo leggo saltuariamente e poco per volta per assimilarne i concetti. Ne parlerò appena terminato.

Non ho idea di cosa leggerò a febbraio, di solito mi piace cambiare sempre genere dunque potrei leggere un classico, o un horror/ thriller, oppure riprendere Le cronache dei vampiri della Rice. Ho ancora alcuni giorni per pensarci, nel frattempo leggo qualche manga :)